di Ermes Strippoli

I progressi veloci nei sistemi di Intelligenza Artificiale (AI) stanno influenzando sempre più aspetti della vita quotidiana, coinvolgendo adulti, ragazzi e bambini. In occasione del Safer Internet Day 2024, l’evento di Generazioni Connesse, il Safer Internet Centre italiano, coordinato dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, si concentra sull’AI come tema centrale.

Spiegare l’AI ai ragazzi richiede una comprensione chiara di una vasta gamma di sistemi e strumenti. Gli assistenti vocali, gli algoritmi dei social network e l’AI applicata a reti idriche o elettriche sono esempi di come l’AI influenzi la nostra vita quotidiana.

Prima di esplorare l’AI, è fondamentale capire cos’è. L’AI è la capacità di una macchina di esibire abilità umane come il ragionamento, l’apprendimento, la pianificazione e la creatività, basandosi su dati e algoritmi.

Per spiegare l’AI ai ragazzi, è importante introdurre il concetto di dati, essenziali per addestrare l’AI. Utilizzando una metafora culinaria, i dati sono gli ingredienti che alimentano l’assistente vocale o altri sistemi.

L’algoritmo, le istruzioni programmate per un sistema informatico, è ciò che fa funzionare l’AI. Una modalità pratica per spiegare gli algoritmi è attraverso il “Foglio Intelligente”, un gioco di tris che simula l’obbligo di seguire istruzioni specifiche.

Esistono due tipi principali di algoritmi di AI: machine learning (apprendimento automatico) e deep learning (apprendimento profondo). Il machine learning permette all’AI di migliorare le sue capacità attraverso l’elaborazione dei dati, mentre il deep learning si basa su reti neurali artificiali per apprendere in modo approfondito.

L’aspetto etico dell’AI è cruciale e richiede una comprensione critica e tecnica. L’evoluzione rapida dell’AI offre opportunità significative, visibili negli sforzi per raggiungere gli obiettivi sostenibili dell’ONU entro il 2030.

Affrontare temi etici complessi, come il bias nei dati che può portare a risultati discriminatori, richiede attenzione alla comprensione dei ragazzi. La riflessione sull’AI deve tener conto del loro livello di comprensione per affrontare in modo efficace questioni complesse come l’etica e il suo impatto sulla società.

 


FOTO: di DCStudio su Freepik

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Abilita le notifiche per non perderti nessun articolo! Abilita Non abilitare